Caduta di capelli? parti dall'aniali

Caduta capelli: il successo di Federico

Caduta capelli: il successo di Federico.

Ciao,

sono la consulente dermocosmetica Tina Pallotta e oggi voglio raccontarti il successo di Federico.

Federico è arrivato in farmacia ad Agosto per una consulenza.

Da tempo aveva un problema di caduta ed un diradamento nella zona frontale della testa.

Aveva seguito diversi trattamenti in passato, ma non era riuscito a risolvere il problema.

Scoraggiato e stanco di tutti quei trattamenti andati male, per un anno ha deciso di non fare più niente.

Ha smesso di prendersi cura dei suoi capelli… ma non ha mai smesso di pensare al suo problema.

Non ha mai smesso di cercare una soluzione…

Così cercando su internet ha scoperto la nostra farmacia.

Incuriosito dalla nostra analisi, ha fissato un appuntamento e ha fatto un primo controllo.

Per  riuscire ad arrestare la caduta e provare a far ricrescere i capelli, gli ho consigliato un trattamento d’urto.

Il trattamento richiedeva costanza. Forse la cosa che Federico durante gli anni passati non aveva avuto…

Deciso di voler iniziare il trattamento con il piede giusto Federico si è impegnato da subito.

Per tre mesi ha seguito i consigli alla lettera, non ha mai dimenticato di prendere l’integratore o di utilizzare le fiale.

All’inizio del trattamento (ad Agosto), gli avevo chiesto di farsi una foto per riuscire a vedere i progressi nel tempo.

Dopo tre mesi Federico mi ha mandato questa foto, con il suo prima e il suo dopo…

Devo dire che i miglioramenti ci sono stati… e si vedono!

Federico è la dimostrazione che i trattamenti, se seguiti con costanza portano grandi risultati.

“Non pensavo di ottenere questi risultati in così poco tempo.

Tina dice che sono stato costante, metodico e attento a seguire il trattamento che mi ha consigliato.

Sento i capelli più forti e questo per il momento è un grande risultato!”

Bravissimo Federico, hai fatto un ottimo lavoro.

Continua così.

Se vuoi saperne di più leggi questo articolo.

oppure scrivici su [email protected]

Dr. Angelo Labrozzi